Seleziona una pagina
Immigrazione

Legalità Popolare condivide la necessità espressa dal Governo di limitare i flussi di migranti provenienti dall’Africa, ma evidenzia alcune incongruenze nella gestione politica della problematica.

Per Legalità Popolare una cosa comunque è certa: ogni centimetro quadrato del territorio Italiano deve essere controllato dallo Stato e non devono esistere persone che girano in Italia di cui non si conoscono le generalità o la provenienza. Lo Stato ha il diritto e dovere di controllare e far rispettare la legalità nel proprio territorio.

Per quanto riguarda l’immigrazione l’analisi svolta è la seguente:

  • la maggior parte dei barconi della speranza partono dalla Libia, attualmente quasi senza governo
  • non è solo la Francia ad essere responsabile della situazione di confusione in Libia. Anche il Governo Berlusconi approvò l’attacco a Gheddafi, il quale tra l’altro, diede anche del traditore allo stesso Berlusconi. L’Italia approvò anche il decollo degli aerei militari Francesi dalle basi Italiane e quindi la domanda è: “Qual è la verità nei confronti della Libia e perché il Governo Italiano che fino ad allora aveva stipulato tantissimi accordi commerciali con Gheddafi, decise di appoggiare l’intervento militare in Libia? Che tipo di accordo ci fu tra Berlusconi e Sarkozy? Che tipo di governo avevano in mente di instaurare i Francesi in Libia? Nessuno pensava che dall’uccisione di Gheddafi, la Libia sarebbe stata terra di conquista?”
  • anche la Lega votò a favore della mozione di intervento militare in Libia
  • il possesso delle armi di distruzione di massa da parte di Gheddafi non è mai stata accertata e Gheddafi non ha potuto raccontare la sua versione dei fatti.
  • la convenzione di Dublino, che ci piaccia o no, è stata firmata anche dall’Italia. Non è possibile agire di impulso sconvolgendo tutti i trattati che sono alla base del corretto funzionamento dell’Europa. I trattati possono e devono essere modificati se non funzionano, ma vanno rispettati altrimenti l’Europa è destinata all’anarchia.
  • una domanda a cui si dovrebbe dare risposta: “Le Organizzazioni non Governative vengono accusate di lucrare sui migranti. Ma se le imbarcazioni arrivano in Italia e i profughi vengono accolti nelle strutture italiane, le ONG straniere che ci guadagnano?, Qual è il meccanismo di azione e le prove delle accuse mosse nei confronti delle ONG?”
  • chi ha guadagnato fino ad oggi con i migranti? Per ora, l’unico dato certo è che moltissime strutture ricettive Italiane che erano prossime al fallimento, sono riuscite a sopravvivere grazie all’accoglienza data ai migranti e con i soldi ricavati, qualcuno è riuscito anche a ristrutturare e ad adeguare alla sicurezza la propria attività.
  • la criminalità è in aumento, è un dato che andrebbe verificato. “Comunque, come è possibile collegare i migranti, che stanno chiusi tutto il giorno senza fare niente negli alberghi, con l’aumento della criminalità in Italia?”
  • i migranti provengono da paesi in guerra e da Paesi ridotti alla povertà. Il mondo occidentale non è esente da responsabilità visto che la maggior parte di queste guerre e povertà, sono alimentate dalla costante necessità di trovare e sfruttare nuovi giacimenti di petrolio, metano e minerali e quindi, finché anche l’Italia avrà bisogno di queste fonti energetiche, non sarà mai esenti da responsabilità, anche laddove fossero indirette.
  • un’altra domanda a cui sarebbe necessario dare risposta: “Normalmente siamo abituati a vedere immagini provenienti dall’Africa di povertà, con gente in condizioni disperate, malnutrite e abbandonate a se stesse. Invece i migranti che vengono recuperati dai barconi, sono normalmente tutti in buona forma, qual è la loro vera storia?”

Per quanto sopra esposto, le critiche e gli insulti tra leader Europei non sono assolutamente salutari e andrebbero evitate in quanto, prima o poi, le decisioni bisognerà prenderle insieme a tutte le Nazioni dell’Europa.